Buon Earth Overshoot Day a tutti!

27 Set

Buon Earth Overshoot Day  a tutti! E’ ufficiale: stiamo rubando risorse all’anno prossimo. Vediamo insieme cosa significa.  L’EOD ( tale idea deriva dalla fondazione inglese NEF)  permette di concettualizzare il gap tra ciò che la natura può rigenerare e quanto è ora richiesto per sostenere tutte le attività umane.

Ovviamente non c’è un’accuratezza al 100% , ma lentamente migliorano i calcoli e , soprattutto, vengono inseriti nuovi dati che ponderano e precisano il dato. Comunque ciò che pone in allarme è l’eccessivo consumo di risorse in cui ciascuno di noi è coinvolto. Anzi, piuttosto, una parte minoritaria del mondo. Secondo Global Footprint Network stando così le cose avremo bisogno tra gli 1,2 e 1,5 pianeti in più per sostenere la domanda , mentre entro la prima metà del secolo avremo bisogno di 2 pianeti.

Qual è l’allarme? Innanzitutto l’incapacità degli oceani nel rigenerare l’atmosfera: essi sono i veri grandi polmoni della Terra. Conservano infatti composti chimici contenenti carbonio per un tempo indefinito e sono essenziali per compensare le emissioni di carbonio, ma proprio il cambiamento climatico sta inibendo questa vitale funzione.

Ma soprattutto gli sprechi alimentari: in uno studio recente la Commissione Europa, in occasione del Food Safety Day, afferma:

«L’ottimizzazione degli imballaggi delle derrate alimentari implica di ridurre l’imballaggio inutile delle derrate alimentari (4 mele imballate insieme, per esempio) senza compromettere la sicurezza alimentare e senza accrescere lo spreco degli alimenti. Si tratta anche di trovare l’equilibrio tra l’adattamento degli imballaggio ai cambiamenti dei modi di vita (porzioni più piccole per delle famiglie più piccole al fine di ridurre lo spreco alimentare) e l’aumento della quantità di imballaggi supplementari che questo può generare. Infine, se tratta di ricorrere a soluzioni innovative: come le bio-plastiche (prodotte da risorse rinnovabili e biodegradabili) e gli imballaggi attivi e intelligenti».

 La stessa Commissione ha stilato un decalogo contro gli sprechi che vi consigliamo di vedere!

Allora rivolgiamoci a cosa pensiamo noi Italiani su uno stile di vita sostenibile. Secondo un recente sondaggio dell’ ISPO ben l’89% degli Italiani pensa che le rinnovabili siano imprescindibili come fonti energetiche. Il  22% degli intervistati ha dichiarato che sarebbe disposto a veder aumentare l’importo della propria bolletta elettrica a patto che una parte sia destinata alle fonti pulite. Dunque una presa di posizione importante, soprattutto per l’evento in cui tale studio è stato rivelato:  il Festival dell’Energia di Firenze .

Ovviamente si potrà affermare che tale studio sia poco indicativo, ma fino a quando la politica potrà far finta di nulla? Fino a quando potremo continuare con questo ritmo.? Intanto dai nostri uffici facciamo così: spegniamo le luci e apriamo le finestre, usiamo meno imballaggi possibili e consumiamo a kilometro zero, privilegiando i mezzi pubblici. Non male come piccolo esempio dal basso, no?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: